ANDREA SEMERARO

Tenore

alla Scala dal 2002


Inizia a cantare a 6 anni e la voglia ancora non gli è passata!

Talentuoso discendente di una famiglia di musicisti, ha studiato oboe e saxofono, ed è sua “l'illuminazione” artistica che ha dato origine agli Italian Harmonists.

Sensibilità vocale dolce e controllata all'interno del gruppo, caparbietà e decisione all'esterno.

Irrefrenabile.

JADER COSTA    

Pianoforte

alla Scala dal 2000

E' diplomato in pianoforte, organo, composizione, composizione organistica, clavicembalo, strumentazione per banda, musica vocale da camera e altre cose delle quali anche lui si è dimenticato.

Affermato concertista, possiede un tocco delicato sostenuto magistralmente da una tecnica raffinata. Quella piccola vena di elegante pazzia che lo contraddistingue lo ha portato, nel tempo, a scrivere per gli Italian Harmonists numerosi geniali arrangiamenti.

Un Einstein del pentagramma.

GIORGIO TIBONI  

Tenore

alla Scala dal 1996

La sua rara versatilità vocale gli ha consentito di spaziare dal barocco al musical, passando per i compositori più classici dell'800. Tenore, nel sestetto interpreta la parte del “jolly”: linee melodiche tipicamente baritonali ma spesso in tessitura acuta e con frequenti alternanze timbriche. Si fa fatica a farlo star zitto e quindi non possono che essere sue le presentazioni e le interazioni col pubblico.

LUCA DI GIOIA

Tenore

alla Scala dal 2001

Violinista affermato, ha suonato nelle più importanti orchestre sinfoniche italiane, ma i suoi ricordi più goliardici risalgono alle 6 edizioni del Festival di Sanremo cui ha preso parte. A furia di imitare i tenori che sentiva in concerto si è scoperto tenore egli stesso ed in breve tempo si è ritrovato ad affrontare ruoli d'opera e recital in tutta Italia.

Vocalità precisa e possente, cura ogni dettaglio musicale dei brani del gruppo.

MASSIMILIANO DI FINO

Tenore

alla Scala dal 2010

Si diploma adolescente in organo e pianoforte ma a soli 9 anni era già organista titolare nella Chiesa di S.Anna (BG). Non contento della comunque intensa attività concertistica decide di studiare canto e fa centro! Orecchio assoluto e voce dalle mille sfaccettature, Max dona smalto e ricchezza di armonici alla sua impervia tessitura di primo tenore

SANDRO  CHIRI

Basso

alla Scala dal 1989

Inizia come violinista ma la sua voce decisamente non comune gli prospetta da subito scenari differenti. Si ritrova con facilità finalista in vari concorsi internazionali di canto, nonchè interprete di vari ruoli in numerosi teatri italiani ed esteri.

Fine musicista, arguto conversatore, ma anche preciso e pignolo, rappresenta la “coscienza” del gruppo. Il vero Basso che ispira e garantisce solidità